Blog

Business

Bossing – Che cos’è? Cosa puoi fare al riguardo?

Sans titre (36)

Bossing – Che cos’è? Cosa puoi fare al riguardo?

Il bullismo è diffuso nella nostra società. Le vittime spesso ne soffrono per anni. Ma cosa fare se il boss fa il prepotente e usa i cosiddetti attacchi di bossing? Il cosiddetto bossing significa che il supervisore fa il prepotente con i suoi dipendenti. In questo articolo imparerai quali sono le cause del bullismo e cosa puoi fare al riguardo.

Danno economico causato dal bullismo

Il bullismo sul posto di lavoro può non solo pregiudicare la salute delle persone colpite, ma anche causare danni all’economia. Secondo uno studio dell’Istituto tedesco per la ricerca economica (DIW), il bullismo costa circa 52 miliardi di euro ogni anno. Ciò corrisponde a circa il tre per cento della produzione economica totale.

La maggior parte di questi costi riguarda l’assistenza sanitaria delle persone colpite. Spesso devono andare dal medico perché soffrono di stress o malattie mentali come la depressione o la sindrome da burn-out. In aumento anche l’assenteismo dal lavoro, che danneggia finanziariamente le aziende.

Quali tipi di bullismo esistono in generale?

Esistono diversi tipi di bullismo comuni quanto il boss: il bullismo è subdolo e le vittime spesso non se ne rendono conto finché non è troppo tardi. Ti senti oppresso, ansioso o in gabbia.

Gli altri tipi di bullismo sono:

  • Cyberbullismo: in questa forma, le persone si fanno bullismo a vicenda tramite Internet e/o telefono cellulare.
  • Bullismo sociale: qui le persone maltrattano gli altri escludendoli o insultandoli.
  • Bullismo fisico: in questa forma, una o più persone maltrattano direttamente la vittima. Spingono, calciano o lanciano oggetti contro di loro.

Quali sono le cause del bullismo?

I prezzi per queste scarpe da ginnastica variano. Ciò dipende da fattori quali il tipo di coach, il numero di sessioni/seminari e il tipo di coaching.

Alcune persone potrebbero pensare che assumere un allenatore esecutivo sia costoso. Ma in realtà, è solo un piccolo investimento che può fare una grande differenza nel tuo modo di lavorare e nella tua vita.

È ormai risaputo che i clienti di tutti i settori si rivolgono a coach esecutivi per chiedere aiuto. Comprendi i vantaggi del coaching. E sanno che non deve essere costoso.

Se stai cercando un modo per migliorare te stesso, il coaching della leadership può essere un’ottima opzione. Il coaching in generale è un potente strumento che non solo aiuta un individuo a capire meglio se stesso, ma anche a migliorare le proprie capacità di comunicazione e leadership. Non sorprende che molte persone utilizzino il coaching come un modo conveniente e accessibile per avanzare nella propria carriera.

Il bullismo ha molte cause. Spesso è un’espressione di frustrazione o insoddisfazione. Il bullismo spesso nasce da un sentimento di potere. L’autore fa il prepotente per rafforzare la sua posizione nella società in tutte le gerarchie e/o per danneggiare gli altri, e i suoi atti di bullismo si verificano costantemente nel lavoro quotidiano fino al piano esecutivo. Si sente potente quando può esercitare il potere sulla persona colpita. Inoltre, l’invidia e il risentimento spesso giocano un ruolo. Il bullo fa il prepotente per ottenere uno status nel gruppo o per vendicarsi della vittima.

Ma il capo può anche essere personalmente disturbato e ha bisogno di potere sulle altre persone per sentirsi meglio. In questi casi, è difficile fare qualcosa contro il bullismo.

Perché il mio capo fa bullismo?

Il bullismo ha molte cause e ci sono molte cause di bossing e le persone colpite spesso non hanno idea di cosa fare.

Spesso nasce da frustrazione o insoddisfazione. Ma il capo può anche essere personalmente disturbato e ha bisogno di potere sulle altre persone per sentirsi meglio. In questi casi, è difficile fare qualcosa contro il bullismo.

metodi di comando

Ci sono diversi metodi che un capo usa per fare il prepotente con i suoi dipendenti. Usa spesso minacce, molestie o terrore psicologico per mettere sotto pressione i dipendenti. Può anche lanciare attacchi personali o insultarli. Spesso le vittime del boss vengono isolate e ricevono meno posti di lavoro. Anche picchiare davanti ai colleghi è un metodo comune per comandare.

Come posso difendermi dal comandare il mio capo al lavoro?

Per prima cosa dovresti provare a parlare con il tuo capo e i tuoi superiori. Il bullismo è spesso un malinteso e si può rimediare immediatamente se è legato, ad esempio, a uno stile di leadership. In caso contrario, i conflitti continuano ad aumentare o ti senti in pericolo, dovresti cercare un aiuto professionale. Ci sono varie opzioni di consulenza e terapia che possono aiutare.

Puoi anche provare a documentare le tue esperienze nel processo di bullismo. Annota tutti gli incidenti e inviali al capo del tuo capo o a un’altra persona nell’azienda.

Come ho detto, il boss è una forma di bullismo. Ciò significa molestie da parte del supervisore. Spesso questo accade in modo sottile e le vittime spesso se ne accorgono solo in ritardo.

Il bullismo è un grave problema sul posto di lavoro. Se tu, come vittima di un boss, noti che la tua salute sta soffrendo, dovresti cercare un aiuto professionale. Esistono varie opzioni di consulenza e terapia per le vittime di bullismo, ad esempio centri di consulenza che possono aiutarti ad affrontare e cambiare la tua situazione. Possono essere utili anche comitati aziendali o sindacati. Hai molta esperienza con il bullismo con e tra i dipendenti e conosci la migliore strategia per contrastare il boss.

È anche importante segnalare il sospetto di capo al datore di lavoro. Solo così è possibile identificare e punire il boss in questione. I dipendenti interessati dovrebbero anche scambiare idee con altre vittime per intraprendere un’azione comune contro il bullismo.

Cosa fare se il capo ti sta maltrattando? Ora che stai leggendo queste righe, potresti trovarti in una situazione del genere o conoscere qualcuno che lo è. Il bullismo tra colleghi e dipendenti è diffuso, ma le persone colpite spesso non hanno idea di cosa fare. È importante segnalare il sospetto di capo al datore di lavoro. Solo così è possibile identificare e punire il boss in questione. I dipendenti interessati dovrebbero anche scambiare idee con altre vittime per intraprendere un’azione comune contro il bullismo.

Diritto del lavoro: tutela contro il licenziamento in caso di mobbing

I lavoratori hanno anche alcuni diritti che proteggono le persone colpite dal bullismo sul posto di lavoro. In primo luogo, c’è la tutela contro il licenziamento. I datori di lavoro non possono semplicemente licenziare i dipendenti vittime di bullismo o molestie. Piuttosto, il datore di lavoro deve prima provare a parlare con la vittima del capo e trovare insieme una soluzione. Solo allora il licenziamento è legale.

C’è anche la legge sull’orario di lavoro. I dipendenti hanno diritto a un orario di lavoro regolamentato e alla possibilità di rifiutare gli straordinari. Chiunque commetta atti di bullismo può facilmente abusare di questa legge e quindi estendere o interrompere il lavoro a piacimento per i dipendenti.

Lista di controllo del boss

Se sospetti di essere soggetto a bullismo sul posto di lavoro, prendi in considerazione l’utilizzo di una lista di controllo per il boss. L’elenco che segue può aiutarti ad analizzare la tua situazione e quella dei tuoi colleghi, ma anche quella dei tuoi manager, e determinare se sta effettivamente avvenendo un comando.

  • Ti senti molestato o vittima di bullismo? I tuoi incarichi di lavoro e le tue attività lavorative sono gestiti a casaccio?
  • Il capo ha provato a farti pressioni? Anche con la violenza?
  • Hai paura di sbagliare?
  • Le tue idee o suggerimenti vengono regolarmente rifiutati?
  • Hai voglia di combattere il boss da solo?
Conclusione

Se hai letto questo articolo, ora sai cos’è il bullismo, cosa lo causa e cosa puoi fare al riguardo. Imparerai anche come si manifesta il boss sul posto di lavoro e cosa fare se il boss è prepotente. Speriamo davvero che queste informazioni ti aiutino!

Leave your thought here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.