Blog

Business Business Non categorizzato

Domande del colloquio: domande e risposte tipiche

Blog Post (2)

Domande del colloquio: domande e risposte tipiche

La buona notizia è: hai superato il primo ostacolo dell’applicazione e sei stato invitato a un colloquio. Non appena il primo ostacolo è stato superato e ricevuto l’invito per un colloquio, l’entusiasmo aumenta e possono iniziare i preparativi mirati per una conversazione che sia il più riuscita possibile.

I colloqui sono una grande sfida sulla strada per un lavoro da sogno e sono temuti. Devi essere convincente in una conversazione personale.

“Cosa vuole sapere da me il responsabile delle risorse umane?” Ogni candidato si chiede nervosamente prima di un classico colloquio di lavoro, che è un gioco di domande e risposte. Il reclutatore chiede e tu, il candidato, rispondi. Vorrebbe sapere se sei adatto alla posizione e se rientri anche nell’azienda. Ma il richiedente potrebbe anche porre domande per scoprire se la posizione e la cultura aziendale gli si addicono.

Il reclutatore vuole imparare il più possibile sulla tua personalità, carattere, motivazione, punti di forza e di debolezza. Tali colloqui di lavoro sono generalmente relativamente simili e alcune domande continuano a sorgere.

Ma come può il candidato prepararsi per le domande più frequenti e segnare punti con domande intelligenti, e quali sono le domande da evitare che un candidato dovrebbe piuttosto evitare? Abbiamo raccolto per te cinque domande difficili:

5 domande tipiche del colloquio di lavoro

1) Dove ti vedi tra 5 anni?

Una domanda che causa mal di testa a molti candidati. Ma se sai cosa c’è dietro questa domanda, è più facile rispondere. Il responsabile delle risorse umane vorrebbe saperne di più sul tuo piano di carriera personale e scoprire se hai intenzione di rimanere nella sua azienda a lungo termine. Allora quali sono i tuoi obiettivi? Ti adatti all’azienda? Vuoi prendere un impegno a lungo termine?

È meglio fare affermazioni chiare sui tuoi obiettivi, che coincidono anche con le idee del datore di lavoro. Esprimi in particolare che sei flessibile e anche aperto ad attività interessanti e responsabili. Dimostra che possono sviluppare ulteriormente le tue abilità.

2) Quali sono i tuoi punti di forza e di debolezza?

Non sempre chiedi direttamente i tuoi punti di forza, a volte significa anche “In cosa sei particolarmente bravo?”, “Quali compiti del tuo attuale lavoro ti piacciono particolarmente?” o “Come ti vede il tuo capo?”.

Assicurati di rimanere autentico. Quando si tratta di punti di forza, rispondi con sicurezza ma non troppo espansivamente. È meglio confrontare in anticipo i tuoi punti di forza personali con il profilo dei requisiti della posizione e fornire esempi specifici. Ad esempio, le capacità di problem solving e la capacità di apprendere sono apprezzate dai professionisti delle risorse umane.
Tuttavia, di solito è difficile con i punti deboli. Ma questi sono umani e la domanda è piuttosto come affrontarli. Indica una debolezza personale, ma segnala anche la tua volontà di imparare e di eliminare questa debolezza. Questo dimostra la capacità di riflettere e la volontà di imparare.

3) Hai mai affrontato un compito che non sei riuscito a risolvere subito? Come hai reagito?

Oppure: come hai affrontato una situazione difficile? Come affronti i problemi?

Qui il responsabile delle risorse umane testa come affronti problemi e stress e come ti comporti in situazioni disperate. Pensa a un esempio e spiega come hai analizzato e riconosciuto il problema. Comunque come sei riuscito a risolvere il problema? Hai ricevuto aiuto o hai cercato problemi simili e hai trasferito le loro soluzioni alla nuova situazione?

4) Hai mai sperimentato che il lavoro in team non è andato come sperato? Come ti sei comportato?

La capacità di lavorare in team è una competenza sociale importante nelle aziende moderne. Ma ci sono tensioni in quasi tutte le squadre. Dimostra che puoi risolvere i problemi in modo aperto e costruttivo insieme agli altri membri del team. Ad esempio, una buona risposta sarebbe: “Abbiamo affrontato i problemi apertamente in una riunione di gruppo. Durante la conversazione si è scoperto che alcuni colleghi erano oberati di lavoro. Abbiamo quindi ridistribuito i compiti e siamo stati in grado di dare il cambio ai nostri colleghi insieme”.

5) Perché dovremmo assumerti?

Ai professionisti delle risorse umane piace usare questa domanda per metterti sotto pressione, cioè per testare il tuo comportamento sotto stress.

Mantieni la calma e riassumi brevemente i tuoi punti di forza. Convinciti con una breve auto-presentazione della tua esperienza professionale, dei tuoi successi e delle conquiste speciali. Soprattutto, mostra come l’azienda può trarre vantaggio dalle tue capacità. Dovresti sempre tenere d’occhio i requisiti dell’annuncio di lavoro. Combina i tuoi punti di forza con le qualifiche richieste nell’annuncio di lavoro.

30 domande più frequenti nei colloqui di lavoro

  1. Perché ti sei rivolto a noi?
  2. Cosa sai della nostra azienda?
  3. Descrivi i tuoi compiti precedenti!
  4. Cosa ti distingue dagli altri candidati?
  5. Come affronti lo stress?
  6. Come reagisci alle critiche?
  7. Come affronti le critiche?
  8. Perché hai smesso?
  9. Perché vuoi cambiare?
  10. Perché vuoi lasciare il tuo attuale datore di lavoro?
  11. Perché stai cercando un nuovo lavoro?
  12. Cosa vuoi guadagnare?
  13. Secondo il tuo ex capo, quali sono le tre cose su cui potresti migliorare?
  14. Sei pronto per viaggiare?
  15. Qual è il tuo lavoro dei sogni?
  16. Raccontami di un errore che hai fatto.
  17. Siete disposti a trasferirvi?
  18. Sei disposto a lavorare in ferie/fine settimana?
  19. Chi sono i nostri concorrenti?
  20. Cosa direbbero di te i membri del tuo team/il capo?
  21. Quali sono i tuoi hobby?
  22. Quali competenze porti al lavoro pubblicizzato?
  23. Lavoreresti più di 40 ore a settimana?
  24. Come spieghi questa lacuna nel tuo CV?
  25. Qual è la tua aspettativa di stipendio?
  26. Come descriveresti il tuo stile di lavoro?
  27. Quali sono i tuoi obiettivi con questo lavoro?
  28. Se tu fossi un animale, quale saresti?
  29. Cosa ti distingue dagli altri candidati?
  30. Quali abilità hai tu che gli altri non hanno?

Domande intelligenti per conto tuo: supera i requisiti di base

Oltre ai requisiti di base come puntualità, abbigliamento adeguato, buon comportamento, motivazione, interesse e apertura mentale, un candidato può brillare per le proprie buone domande. Sono la ciliegina sulla torta e dimostrano che la ricorrente si è preparata bene.

Dimostra che c’è interesse per l’azienda e, attraverso domande ben preparate, i candidati fanno un’impressione competente sulle risorse umane.

Hai altre domande? Quali sono le domande intelligenti da porre in un’intervista?

Le offerte di lavoro spesso offrono punti di partenza per domande significative. Un altro punto di partenza è essere il più chiaro possibile in anticipo su come mi piacerebbe effettivamente lavorare. Ciò vale, tra l’altro, per i principi di leadership dei superiori, l’attrezzatura sul posto di lavoro, l’atmosfera di lavoro tra colleghi, l’area di responsabilità e l’ambito dei compiti, ecc. Da ciò puoi derivare meravigliosamente il tuo domande per il colloquio di lavoro.

Di seguito mostriamo 24 esempi di query:

  1. Perché questa posizione è pubblicizzata?
  2. Come descriveresti la tua cultura aziendale?
  3. Come descriveresti lo stile di gestione del tuo diretto superiore?
  4. Quali sfide stai affrontando attualmente?
  5. Dove sono schierato? Chiedi
  6. Hai ancora tempo per dare un’occhiata al posto di lavoro?
  7. A chi riferirò? Ed eventualmente: chi me lo dirà?
  8. Per quanto tempo il mio predecessore è rimasto in questa posizione?
  9. Cosa ti piace di più del lavorare qui?
  10. Quali sono le prime tre aspettative di qualcuno in questa posizione?
  11. Quali sono le competenze più importanti che una persona deve possedere per avere successo all’interno dell’azienda?
  12. Quali errori tipici posso evitare che altri in questa posizione abbiano fatto all’inizio? applicazione
  13. Come si è evoluta la descrizione del lavoro per questa posizione negli ultimi anni? Carriera
  14. Quali opportunità di formazione offrite ai nuovi dipendenti? Carriera
  15. Qualcuno della squadra è stato promosso negli ultimi anni? Se sì, perché questa persona è stata promossa?
  16. Hai ancora dei dubbi sulla mia idoneità a questa posizione di cui dovremmo parlare?
  17. Come prosegue il processo di candidatura?
  18. Che aspetto ha il solito allenamento?
  19. Cosa posso aspettarmi nei primi 90 giorni?
  20. C’è una tempistica approssimativa per la decisione di assunzione?
  21. Cosa succede dopo la conversazione?
  22. Se c’è un secondo colloquio, chi si siederebbe di fronte a me?
  23. Perché lavori per questo?
  24. Come vengono registrati i tuoi orari di lavoro?

Cosa dovresti evitare in un colloquio di lavoro?

Il colloquio è spesso l’ultimo ostacolo prima del lavoro dei sogni. I candidati ora si aspettano domande tipiche nel colloquio di lavoro: domande sui metodi di lavoro, le tue competenze trasversali, la personalità, i punti di forza e di debolezza. Colloquio di lavoro, anche domande stressanti e domande trabocchetto. Ti forniamo 10 categorie tipiche con più di 100 studi

Il richiedente dovrebbe prestare attenzione alla sua immagine pubblica dall’inizio alla fine. Alla receptionist, ai dipendenti che passano e anche mentre tornano a casa. Frasi fluttuanti al telefono sulla conversazione come “Sì, è stato abbastanza buono. Ma uno era un po’ totalmente strano”. Dovresti salvarti durante il colloquio finché non sei fuori portata d’orecchio. Altre domande che è meglio non porre in un colloquio come feedback dal colloquio di lavoro sono elencate qui:

Domande inadeguate e argomenti tabù nei colloqui di lavoro

  1. Quanti dipendenti ha l’azienda?
  2. Ha filiali anche all’estero?
  3. Cosa fa esattamente la tua azienda?
  4. Ho buone possibilità di avanzamento?
  5. Il mio futuro capo è gentile?
  6. Cosa mi stai pagando?
  7. Riceverò presto un aumento?
  8. Quanti giorni di ferie ho?
  9. Posso venire prima e finire il lavoro prima?
  10. È consentito utilizzare Facebook al lavoro?
  11. Come gestisci il congedo per malattia?

In generale, le domande sull’orario di lavoro, le ferie o il datore di lavoro, i preparativi privati, l’uso di Internet non sono molto appropriate per le applicazioni. Le domande di cui sopra fanno apparire il richiedente ingenuo e incapace nei confronti del datore di lavoro, poiché le risposte risponderanno da sole durante la preparazione della domanda. Dovresti anche evitare di porre domande a cui è già stata data risposta nel corso della conversazione. Si consiglia quindi di annotare alcune domande e prendere appunti durante il colloquio e spuntare quali domande hanno già avuto risposta.

Rimani autentico

Non tutte le domande si adattano a tutti i candidati, quindi scegli quelle giuste e rimani fedele a te stesso. Meglio non esagerare, dire sempre la verità. Conoscenze fantastiche in determinate aree prima o poi possono essere testate e al più tardi dovrai rimediare, anche se molto probabilmente non avrai il tempo di farlo. Questo potrebbe diventare molto scomodo. Ma dopo aver letto questo articolo, a te non succederà.

Colloquio di lavoro – Domande: Cos’altro posso aspettarmi?

Come già accennato, lo scopo del colloquio è che entrambi – datore di lavoro e dipendente – si conoscano meglio. Di conseguenza, i responsabili delle risorse umane fanno molte domande: perché dovremmo assumerti? Cosa ti rende diverso dagli altri? Come ti motivi? Quanti accordatori di pianoforte ha Chicago? – Dietro questo ci sono diversi tipi di domande e tecniche di interrogatorio.

Tali domande dell’intervista non devono essere dannose. Si tratta quasi sempre di scoprire di più sui candidati e sulla loro personalità. Puoi ricordare in anticipo le seguenti regole pratiche:

  • Quali risposte al colloquio?
  • Cosa non chiedere in un’intervista?
  • Quali domande posso fare al colloquio?
  • Quante domande fare a un colloquio?
  • Come essere autentici in un’intervista?

Domande e risposte più tipiche del colloquio di lavoro

Di seguito è riportato un elenco di ulteriori domande del colloquio. Li abbiamo ordinati per tipo di domanda e intenzioni. Quindi sai immediatamente di cosa tratta la domanda dell’intervista. Ci sono suggerimenti per la risposta migliore.

1. Apertura della conversazione

Domanda tipica: “Perché vuoi questo lavoro?”

Dopo le prime chiacchiere , inizia la fase di conoscenza . Se dai la priorità ai candidati, ora segue l’ auto-presentazione . Dovresti riassumere le informazioni più importanti su di te in 3-5 minuti. La struttura basata sul modello “Io sono… posso… voglio…” si è dimostrata valida.

L’ultima parte è importante . Qui mostri come vuoi utilizzare le tue conoscenze e abilità nel lavoro e quindi creare valore aggiunto. Secondo una ricerca di Ayelet Fishbach della Booth School of Business, i reclutatori sono meno colpiti dall’ambizione che dai candidati che spiegano perché amano il lavoro.

Altre domande di apertura della conversazione

  • Cosa puoi dire di te?
  • Perché dovremmo assumere voi?
  • Cosa ti rende diverso dagli altri?
  • Cosa puoi fare per noi che altri non possono?
  • Cosa sai della nostra azienda?
  • Che aspetto ha il lavoro dei tuoi sogni?

2. Domande sulla motivazione dell’applicazione

Domanda tipica: “Quali sono i tuoi obiettivi con questo lavoro?”

Le aziende cercano dipendenti impegnati. Ma c’è un’altra domanda dietro la domanda: “Perché tu (di tutti i posti) hai fatto domanda per noi?” I professionisti delle risorse umane sono alla ricerca di persone di talento che siano appassionate del lavoro e della posizione e desiderino rimanere parte dell’azienda a lungo termine. Di conseguenza, convincono con la loro motivazione quando rispondono a queste domande.

Assicurati di supportarli con il linguaggio del corpo e le espressioni facciali. Più rispondi in modo credibile alla domanda, maggiori sono le tue possibilità di candidarti.

Ulteriori domande sulla motivazione dell’applicazione

  • Quali 3 cose positive direbbe di te il tuo ex capo?
  • E cosa direbbe negativamente di te?
  • Qual è il tuo errore più grande, cosa hai imparato da esso?
  • Quali 3 tratti caratteriali positivi ti mancano?
  • Di cosa hai più paura?
  • Quando hai sottoperformato e cosa?
  • Cosa rimpiangi di più? Come mai?
  • Cosa ti irrita delle persone: come gestirlo?
  • Cosa devo assolutamente sapere di te?

4. Domande sul metodo di lavoro

Domanda tipica: “Come descriveresti il tuo stile di lavoro?”

Ognuno lavora in modo diverso. Deve ancora adattarsi alla squadra. Guadagni punti in più con queste domande descrivendo il tuo modo di lavorare in base alla posizione: il lavoro di squadra è una priorità assoluta?

Quindi descriviti come cooperativo. Sono richieste istruzioni e responsabilità chiare? Quindi entraci. Ma non promettere troppo. Se il tuo modo di lavorare non riesce a tenere il passo, verrà notato negativamente durante il periodo di prova.

Altre domande per l’intervista

  • Qual è stato l’ultimo progetto a cui hai lavorato?
  • Qual è stato il risultato di questo progetto?
  • Come affronti il cambiamento?
  • Come ti organizzi?
  • Come ti motivi?
  • Qual è la tua idea di duro lavoro?
  • Di cosa eri responsabile nel tuo vecchio lavoro?
  • Cosa fai quando trovi impossibile completare le attività quotidiane?
  • Come dimostri la tua affidabilità nel nuovo team?
  • Come ti senti quando ricevi un “no” come risposta?
  • Quando e come è stata l’ultima volta che hai criticato un collega?
  • Come reagisci quando qualcuno si basa sul lavoro di qualcun altro?
  • Quale compito è stato troppo difficile per te e come hai risolto il problema?
  • Cosa farai nei primi 90 giorni di questo lavoro?

5. Domande su fitting e chimica

Domanda tipica: “Cosa ti ha attratto di questa azienda?”

Tu come persona devi anche adattare il datore di lavoro. Tali “domande culturali” riguardano valori condivisi. I tuoi valori corrispondono alla cultura aziendale? Assicurati di rispondere con somiglianze: il datore di lavoro è orientato al futuro come te? Si tratta di un uso sostenibile delle risorse? Oppure sei altrettanto entusiasta della ricerca e sviluppo come delle ultime innovazioni dell’azienda? Idealmente, cercalo in anticipo per giustificare la tua risposta.

Altre domande per l’intervista

  • Qual è l’azienda ideale per te?
  • Quale sarebbe per te una situazione lavorativa ideale?
  • Quando sei stato più soddisfatto del tuo lavoro?
  • Quale cultura ti attrae di più: strutturata o imprenditoriale?
  • Cosa si applica di più a te: sei orientato ai dettagli, sei visionario?
  • Cosa c’è di meglio: un capo dovrebbe essere amato o temuto?
  • Quali sono le caratteristiche chiave di un buon manager?
  • E uno cattivo?
  • Qual è la differenza tra buono e straordinario?
  • Quali conflitti hai vissuto nei tuoi precedenti lavori?

6. Domande sul carattere

Domanda tipica: “Nomina 5 termini che descrivono il tuo personaggio!”

Un’altra forma di verifica del valore. Dovrebbero descrivere se stessi e rivelare molto di se stessi solo attraverso la selezione. La fiducia in se stessi è importante, ma l’autoelogio esagerato è antipatico.

I punti di forza rilevanti (per il lavoro) e alcuni punti deboli (rapporto: 3:2) sono convincenti qui. Mostra “bordo netto” e che sei un capo personaggio.

Più intervista al personaggio

  • Quali 3 tratti della personalità direbbero gli amici che hai?
  • Di cosa sei particolarmente orgoglioso?
  • Qual è stata la lezione di vita più importante che hai imparato?
  • Chi ha avuto un’influenza decisiva su di te nella tua vita?
  • C’è stata una persona nella tua carriera che ti ha cambiato?
  • Quale manager è un modello per te?
  • Con quali personalità ti trovi meglio?
  • Qual è stata la tua decisione più difficile finora?
  • Pranzo: ordini una bistecca, inglese. Il cameriere lo porta ben fatto. Cosa fai?
  • Come ti sentiresti se lavorassi per qualcuno che ne sapesse meno di te?
  • Supponiamo di scoprire che il tuo capo sta facendo qualcosa di illegale, cosa fai?
  • Ci sceglieresti?

Leave your thought here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.