Blog

Business

Tutto quello che devi sapere sui metodi di gestione dei progetti

project-management-methods

Tutto quello che devi sapere sui metodi di gestione dei progetti

Che tu stia assumendo un nuovo dipendente o costruendo l’edificio più alto del mondo, ogni progetto ha bisogno di un project manager/project lead che guidi il progetto e ne garantisca il successo.

Qualcuno che tiene d’occhio ogni dettaglio in ogni fase, dalla progettazione al completamento, in breve: la gestione del progetto.

In cosa consiste la gestione del progetto?

Si tratta di fare le cose, si tratta di sapere esattamente cosa si vuole ottenere e quanto tempo ci vorrà, assicurarsi che tutte le persone coinvolte condividano e comprendano quegli obiettivi prima di fare i primi passi, e che anche loro continuino a fare come la fine di qualsiasi progetto approcci, perché i progetti di successo non si realizzano solo, non sono solo un lungo elenco di attività che devono essere portate a termine.

I progetti di successo sono per lo più capolavori di pianificazione, organizzazione e comunicazione. Una sequenza di eventi accuratamente coreografata in cui il progresso è regolare e costante, un passaggio conduce senza soluzione di continuità al successivo e ogni potenziale problema è stato considerato e affrontato.

Un progetto di successo ha bisogno di uno o più project manager con le giuste competenze e conoscenze che lavorino con un team ben gestito e motivato con ruoli, responsabilità e linee di reporting chiari per portare a termine un progetto senza compromettere tempi, costi o qualità.

La gestione dei progetti è una cosa meravigliosa, ma è facile dimenticare come potrebbe essere il mondo senza di essa, perché la gestione dei progetti al meglio è praticamente invisibile.

È l’assenza di problemi e l’evitare il fallimento, ma dietro ogni progetto di successo, che si tratti di cambiare il modo in cui un’azienda lavora o di organizzare un grande evento, c’è un eroe sconosciuto.

Il project manager tiene tutto e tutti sulla buona strada in modo che il risultato desiderato possa essere consegnato in tempo. Ti supportiamo in tutto il grande lavoro che fai ogni giorno.

I più importanti metodi di gestione dei progetti conosciuti (in ordine cronologico)

Per metodo di project management si intende l’approccio formalizzato e standardizzato ai progetti, che in particolare prescrive un disegno concreto della gestione del progetto – nel suo insieme o in relazione ad aspetti parziali. I metodi di gestione del progetto ben noti includono i metodi di gestione del progetto, il metodo Kanban, il metodo del percorso critico, il metodo SIX SIGMA, il metodo PRINCE2, IPMA e cascata, PMBOK, i metodi di gestione snella e di gestione dei progetti agile e il metodo SCRUM.

Metodo Kanban (1947)

Il metodo Kanban nasce dal controllo del processo produttivo. Il metodo di gestione del progetto si basa interamente sul consumo effettivo di materiale nel punto di fornitura e consumo. Kanban riduce l’inventario locale degli input all’interno e vicino alla produzione, prepara le operazioni di produzione presso Produder per raggiungere le prestazioni del 100% e riduce quel tempo del 30%. L’aumento dei tempi di produzione sostituisce il lavoro aggiuntivo che si basa sull’illuminazione e sui consigli di produzione, sviluppa l’orario di lavoro, ad esempio la capacità di prendere decisioni a lungo termine e porta ad adeguamenti al livello successivo di integrazione prima che sia necessario un inizio fondamentale. In quanto parte del sistema più produttivo del settore, il metodo di gestione dei progetti Kanban mira a svolgere un ruolo chiave per l’industria automobilistica e altri per migliorare questo mercato abbastanza velocemente. L’azienda ha ridotto il tempo massimo consentito.

Metodo di gestione del progetto del percorso critico (anni ’50)

Il metodo di project management del percorso critico (English Critical Path Method, CPM) appartiene ai metodi di project management per la pianificazione del progetto. È stato sviluppato dall’ingegnere e imprenditore americano DuPont negli anni ’50. Questo metodo di gestione del progetto si basa sul presupposto che la durata di un progetto è determinata dalla lunghezza dei suoi percorsi critici. I percorsi critici sono quei percorsi che richiedono più tempo per il progetto e quindi hanno la maggiore importanza per il risultato complessivo. Il metodo del percorso critico può essere utilizzato per creare pianificazioni che possono essere utilizzate per determinare se un progetto può essere completato in tempo.

Il metodo si basa sull’idea che ogni progetto consiste in una serie di attività interdipendenti (Step 1, Step 2, Step 3, ecc.). La durata di ogni passaggio dipende dalla durata dei passaggi precedenti, nonché dalle risorse (tempo, denaro, materiali) necessarie per eseguirlo. Questo metodo di gestione del progetto del percorso critico può quindi essere utilizzato per calcolare quando il passaggio deve iniziare e terminare per ottenere il risultato desiderato.

Tale metodo si basa anche sull’analisi e sulla valutazione dei rischi. Si basa sul principio della significatività statistica basato sul presupposto che non ci sono coincidenze in un progetto. Ogni evento ha la sua origine in un’azione precedente. Gli effetti degli eventi, a loro volta, dipendono da altri eventi. Ciò si traduce in una rete di causalità che descrive il percorso di maggior danno.

Metodo SIX SIGMA (anni ’70)

Six Sigma (6σ) è un sistema di gestione per il miglioramento dei processi e allo stesso tempo un metodo di gestione della qualità. L’elemento centrale è l’uso di mezzi statistici per descrivere, misurare, analizzare, migliorare e monitorare i processi aziendali. È un approccio con un set completo di strumenti per migliorare o riprogettare sistematicamente i processi. La struttura di scomposizione del lavoro per un progetto di miglioramento del processo segue la procedura Define-Measure-Analyze-Improve-Control (DMAIC).

L’obiettivo finale dei programmi Six Sigma è migliorare i profitti di un’azienda. Puoi trovare maggiori informazioni al riguardo nel nostro post sul blog “Lean SIX SIGMA”: https://sca.online/?p=35186&preview=true

PRINCE2 – Progetti IN Ambienti Controllati (1975 / 1983 / 1996)

PRINCE2 è un metodo di gestione dei progetti sviluppato con l’assistenza del governo del Regno Unito ed è lo standard de facto nel Regno Unito. Si basa sull’esperienza di migliaia di progetti e dovrebbe aiutare a controllarli in modo più efficiente. PRINCE2 è ormai diffuso e utilizzato da molte aziende. Il metodo si compone di sette fasi:

  • inizializzazione,
  • Pianificazione,
  • Esecuzione,
  • monitoraggio e controllo,
  • Diploma,
  • controllo di ripresa e revisione,

ognuno con i propri compiti e metodi speciali.

Baseline delle competenze individuali IPMA (1965/1999)

L’IPMA Individual Competence Baseline è uno strumento dell’associazione europea di project management dell’International Project Management Association (IPMA) ed è un organismo di certificazione dal 1995 per determinare le competenze individuali dei project manager. Si basa sulle quattro aree di competenza:

  • Guida,
  • metodi e tecniche,
  • abilità sociali e
  • Lavoro scientifico.

La baseline può essere utilizzata sia per impostare un programma di qualificazione interno sia per valutare i project manager esterni. La linea di base delle competenze individuali viene creata in quattro fasi:

  1. Determinazione della posizione di partenza
  2. Individuazione dei settori di competenza
  3. Determinazione dei valori di competenza
  4. Definizione delle raccomandazioni per l’azione.

Metodo della cascata (1970)

Il metodo di gestione dei progetti a cascata è un processo di progettazione sequenziale più comunemente utilizzato nello sviluppo di software. Viene anche definito processo di sviluppo “tradizionale” o “lineare”.

Il termine “cascata” è stato coniato da Royce nel 1970.

Il modello a cascata può essere visto come un esempio di un progetto top-down, in cui la specifica viene creata prima che avvenga qualsiasi codifica. Ciò è in contrasto con l’approccio agile allo sviluppo del software insieme a metodi di gestione dei progetti agili con prototipazione incrementale e feedback frequenti da parte delle parti interessate. Il metodo di gestione dei progetti a cascata è un processo di sviluppo software che include le fasi sequenziali di raccolta, progettazione, codifica, test e distribuzione dei requisiti. I requisiti devono essere definiti all’inizio e poi lavorati dall’alto verso il basso. Questo approccio può essere utile per progetti di grandi dimensioni con molti partecipanti. Il modello a cascata è in genere preferito dalle grandi aziende o organizzazioni che dispongono di molte risorse e vogliono assicurarsi di non perdere nulla prima di iniziare a costruire.

Il metodo a cascata è stato criticato per non essere riuscito a far fronte ai mutevoli requisiti e per non essere riuscito a soddisfare le nuove tecnologie. Un altro grande svantaggio di questo metodo di gestione del progetto è che le modifiche alle fasi precedenti non sono possibili dopo che quelle successive sono state completate.

Lean Management (primi anni ’90)

Il termine lean management (nelle traduzioni tedesche anche slim management) si riferisce alla totalità dei principi, dei metodi e delle procedure di pensiero per la progettazione efficiente dell’intera catena del valore dei beni industriali. È basato sul libro The Second Revolution in the Auto Industry, pubblicato all’inizio degli anni ’90. In qualità di scienziati del Massachusetts Institute of Technology , gli autori James P. Womack , Daniel T. Jones e Daniel Roos hanno trascorso cinque anni a studiare le differenze nelle condizioni di sviluppo e produzione nell’industria automobilistica nell’ambito dell’International Motor Vehicle Program (IMVP) . I principi di un sistema di sviluppo e produzione superiore in termini di efficienza e qualità sono stati elaborati e indicati come lean production .

Metodi agili di gestione dei progetti (2001)

I metodi di gestione agile del progetto si basano sullo sviluppo iterativo e incrementale, in cui i requisiti degli stakeholder vengono raccolti e quindi sviluppati in modo incrementale in cicli di lavoro brevi, i cosiddetti “sprint”. L’obiettivo di questo processo è fornire un software funzionante che possa essere testato in anticipo dalle parti interessate e fornire un feedback per l’iterazione successiva.

L’obiettivo principale del processo è quello di creare un prodotto funzionante il più rapidamente possibile assicurando che il prodotto soddisfi i requisiti del cliente.

Gestione agile del progetto

La gestione dei progetti Agile è stata sviluppata per la prima volta nel 2001 da 17 persone che si sono unite per creare quello che hanno chiamato il “Manifesto Agile” ed è stata utilizzata nell’industria del software dagli anni ’90. Oggi viene applicato anche in altri settori come la produzione, l’ingegneria e l’edilizia (AEC).

Alcuni dei vantaggi dei metodi di gestione dei progetti agili sono la flessibilità, l’adattabilità e la semplicità o “agilità”, come suggerisce il nome. I metodi agili sono ottimi anche per ottenere prodotti di alta qualità perché incoraggiano un feedback continuo da parte di clienti e parti interessate.

Metodo di gestione dei progetti Scrum (1998)

Il metodo Scrum (inglese per “crowd”) è uno degli approcci di project e product management e appartiene in particolare ai metodi agili di sviluppo software ed è un’implementazione del lean management per il project management. Si compone di 3 responsabilità di leadership: Product Owner, Developer e Scrum Master.

Il termine Scrum originariamente si riferiva a uno stile specifico di sviluppo del software che prevedeva l’uso di una tavola e di schizzi di compiti come parte di un metodo più ampio chiamato matrice RACI. La parola deriva dalla frase “Reverse Acronimo Cracking Invented by Ken Pugh” riferendosi ai processi di sviluppo della sua azienda. L’acronimo RACI sta per Reverse Acronimo Cracking Invented by Ken Pugh:

R = Responsabile – Chi farà cosa?

A = Responsabile – Chi controlla cosa è stato fatto?

C = Confermato – Come possiamo essere sicuri che sia corretto?

I = Indipendente — Cosa succede quando una persona non sa come funziona qualcosa?

Nel 1998 è stata costituita la Scrum Alliance per standardizzare l’utilizzo per uno Scrum Team e per fornire risorse di certificazione, formazione, supporto e certificazione.

PMBOK (A Guide to the Project Management Body of Knowledge) – Guida (White Paper 1987 / Pubblicato 1996)

La Guida PMBOK è un manuale di gestione del progetto pubblicato dal Project Management Institute (PMI). Esistono diverse edizioni della Guida PMBOK, che differiscono principalmente in termini di portata. L’edizione più recente è la “Guida PMBOK – Sesta edizione”.

La guida PMBOK copre una varietà di argomenti relativi alla gestione dei progetti. Il contenuto include, ad esempio, le fasi di un progetto, i ruoli ei compiti dei project manager, nonché i metodi e le tecniche per il controllo dei progetti. Inoltre, la Guida PMBOK contiene raccomandazioni per la pratica di gestione dei progetti. La Guida PMBOK è una guida riconosciuta a livello internazionale per la gestione dei progetti. La guida PMBOK copre sei aree principali:

  • iniziazione
  • Pianificazione del progetto
  • esecuzione
  • Monitoraggio e controllo
  • Chiusura professionale e
  • sviluppo organizzativo.

Cose di base da tenere a mente quando si gestiscono i progetti

Garantire la soddisfazione del cliente

I progetti riguardano tutti gli stakeholder, dallo sponsor ai membri del team di progetto fino alle persone che dovrebbero ricevere il risultato del progetto. Quindi devi assicurarti che tutti siano felici, e come lo fai?

Comunicare, comunicare e comunicare.

La gestione del progetto è tutta una questione di comunicazione e se vuoi ottenere un’elevata soddisfazione del cliente, che è fondamentale nei progetti, allora devi impegnarti con le persone e comunicare con loro il più possibile per assicurarti che tutti siano d’accordo.

Il tuo lavoro come project manager è motivare il tuo team. Non dimenticare che queste persone non riportano necessariamente direttamente a te ma hanno manager diversi, quindi come motivare le persone a eccellere davvero nel lavoro di progetto che fanno per te e tutto il resto del lavoro?

Bene, devi fare il tifo per loro, devi assicurarti che siano ispirati a tirar fuori i pompon.

Sii il guardiano

Come project manager devi assicurarti che le cose non sfuggano di mano, quindi devi impedire alle persone di saltare su qualsiasi carrozzone e rendere le cose molto sistematiche, quindi sei il gatekeeper.

Nessuno può superarti, tutto deve essere filtrato. Questo è l’aspetto veramente importante della gestione del progetto che a volte viene trascurato a causa dei dirigenti e della pressione che sentono i project manager: non prenderlo, sii il gatekeeper, questo ti aiuterà a lungo termine.

La gestione del progetto è tutta una questione di documentazione.

Abbiamo bisogno dei nostri piani di progetto, dei nostri programmi, dei budget e di tutto il resto, quindi stai spingendo un sacco di carta in giro, ma è importante perché ti aiuta a tenere traccia delle persone e si collega a tutto il resto di ciò che fai come progetto gestore. Hai bisogno di questa documentazione, quindi renditi conto che questa è una parte importante del tuo lavoro e prenditi del tempo per assicurarti di non lavorare su tutte quelle scartoffie di notte, hai una vita.

Sii la chioccia o il padre gallo

In qualità di project manager, il tuo compito è assicurarti che tutte le persone coinvolte siano sulla strada giusta, insieme a tutto il resto che fai, dalle scartoffie alle cheerleader.

4 fasi del ciclo di vita del progetto

Ci sono quattro fasi del ciclo di vita del progetto, vale a dire:

  1. iniziazione
  2. pianificazione
  3. esecuzione
  4. Conclusione

Fase 1: Iniziamo con l’iniziazione.

In questa fase viene identificato il bisogno, il problema o l’opportunità di business. Pensare a come raggiungere quell’obiettivo, risolvere il problema o cogliere l’opportunità.

Si stabilisce l’obiettivo del progetto, si determina la fattibilità e si individuano i principali risultati.

Le fasi della gestione del progetto nelle prime fasi comprendono l’identificazione e la definizione

  • il problema che il progetto mira a risolvere e se il progetto sarà in grado di fornire una soluzione a quel problema.
  • di portata definendo la profondità e l’ampiezza del progetto
  • dei servizi da erogare definendo il prodotto o servizio da erogare.
  • delle parti interessate del progetto scoprendo su chi è interessato il progetto e quali sono le loro esigenze
  • un caso aziendale.

Nelle prime fasi, svilupperai anche una descrizione del lavoro o un documento di avvio del progetto. Registra le attività, i risultati finali e la tempistica del progetto.

Fase 2: pianificazione

La fase di pianificazione inizia quando il progetto viene approvato in base alla descrizione del lavoro e al business case. Vengono formati i team, il grande progetto viene suddiviso in attività più piccole e viene creata una sequenza temporale per il completamento di ciascuna attività.

All’interno del progetto più ampio, vengono fissati obiettivi più piccoli in modo che ogni obiettivo possa essere raggiunto entro il periodo di tempo.

Le fasi della gestione del progetto nella fase di pianificazione comprendono:

  • Identificare la schedulazione del progetto, le attività da svolgere e i possibili vincoli.
  • Creazione di documenti di flusso di lavoro per visualizzare la schedulazione del progetto.
  • Stima di budget e creazione di piani finanziari con l’ausilio di preventivi di spesa. Aggregare le risorse formando squadre e assicurando che tutte le persone coinvolte dispongano degli strumenti necessari per svolgere i propri compiti.
  • Anticipazione del rischio identificando potenziali barriere di qualità.

È importante delineare e spiegare tutto al team in modo che i membri del team possano iniziare rapidamente a lavorare sulle fasi successive.

Fase 3: esecuzione

Nelle due fasi precedenti, abbiamo lavorato per ottenere l’approvazione dell’azienda, sviluppare un piano e assemblare il nostro team.

Ora è il momento di mettersi al lavoro e mettere in atto il nostro piano.

Il project manager tiene il lavoro in pista, organizza i membri del team, gestisce i programmi e garantisce che il lavoro venga svolto secondo il piano originale.

Le fasi di gestione del progetto nella fase di esecuzione includono:

  • Crea attività e organizza i flussi di lavoro assegnando aspetti dettagliati dei progetti ai membri del team giusti.
  • Spiegare i compiti ai membri del team, fornendo la guida necessaria su come completare i compiti
  • come svolgere i compiti e organizzare la formazione relativa al processo, se necessario.
  • Comunicare con i membri del team, i clienti e l’alta dirigenza e fornire aggiornamenti alle parti interessate a tutti i livelli.
  • Monitoraggio della qualità del lavoro e gestione del budget.

Fase 4: completamento

In questa fase del progetto, vengono consegnati i risultati finali, vengono rilasciate le risorse del progetto e viene determinato il successo del progetto. Il project manager valuta anche cosa è andato bene e cosa è andato male nel progetto.

Le fasi della gestione del progetto nella fase di chiusura comprendono:

  • Determinare se gli obiettivi del progetto sono stati raggiunti e se il problema originale è stato risolto.
  • Valutare le prestazioni del team, incluso se è stato in grado di raggiungere gli obiettivi mantenendo la tempestività e la qualità del lavoro.
  • Garantire che tutti gli aspetti del progetto siano completi e che non rimangano questioni in sospeso e riferire alle principali parti interessate.
  • Effettuare un’analisi finale del progetto, tenendo conto delle lezioni apprese per progetti simili in futuro.

Immergiamoci in alcune delle più antiche tecniche di gestione dei progetti

capacità di gestione del progetto

discarica del cervello

Il primo strumento è molto semplice: un blocco di carta e una penna. Può sembrare molto semplice, ma è molto importante prendere un pezzo di carta e una penna e annotare tutto ciò di cui potresti aver bisogno per il tuo progetto.

Quando si scarica il cervello, dovresti semplicemente scrivere tutto, anche le idee stupide, anche le cose che ti sembrano ridicole.

Scrivilo su un pezzo di carta. Non si sa mai quali piccole pepite potrebbero venire fuori da queste idee folli.

Concentra i tuoi pensieri su sei aree: compiti che devono essere eseguiti per il progetto, idee che hai, risorse di cui hai bisogno, persone che devi contattare, domande a cui devi rispondere, problemi che devono essere risolti e ostacoli superare.

Blocco azione del progetto

Dopo un dump del cervello, inizi a organizzare tutte le attività che devono essere eseguite. Ecco perché abbiamo sviluppato il blocco di azioni del progetto. Spesso i progetti possono essere travolgenti perché devi pensare a tutte le parti mobili.

Ecco perché abbiamo sviluppato il blocco di azioni del progetto per creare un cervello esterno in modo che quando inizi il tuo progetto puoi dedicare del tempo a organizzare tutto ciò che deve essere fatto, disegnarlo e vedere tutto sul blocco di azioni del progetto di fronte a te.

Invece di usare la tua energia mentale per pensare a cosa ti aspetta cinque passi, il progetto

Action Pad lo ha già.

Devi solo preoccuparti di ciò che hai di fronte ora, l’unica cosa che devi realizzare, l’unico ostacolo che devi superare, l’unica persona con cui devi entrare in contatto invece di sprecare tutte le tue energie destreggiarsi tra tutte quelle palle.

Archiviazione uniforme

Il prossimo strumento di gestione dei progetti super semplice ma efficace è un sistema di archiviazione unificato, come Google Drive e Dropbox.

Un sistema di archiviazione unificato ti semplifica la vita. Ciò è particolarmente vero se hai un progetto che coinvolge più persone.

Non c’è niente di peggio che cercare di trovare qualcosa ed essere così frustrati perché tutti nominano tutto in modo diverso e ci sono queste cartelle casuali ovunque.

Passi tutto il tuo tempo a cercare cose invece di lavorare.

Ma ecco alcuni strumenti per aiutarti a organizzare il tuo sistema.

Vuoi creare una semplice struttura di archiviazione. Non hai bisogno di un complicato sistema di cartelle a più livelli. Se stai assumendo una persona nuova nel team di progetto, dovrebbe essere in grado di capire facilmente dove vanno le cose e come vengono chiamate.

Parlando di denominazione, è importante progettare la convenzione di denominazione in un modo che abbia senso e sia logico.

Puoi anche utilizzare la funzione di condivisione per collaborare con persone interne ed esterne all’azienda.

Inoltre, gestisci le autorizzazioni in modo che le persone che dovrebbero avere accesso abbiano accesso e le persone che non dovrebbero avere accesso a determinate cose no.

Infine, è sempre bene fare un po’ di pulizia di tanto in tanto per assicurarsi che le persone stiano nominando le cose correttamente, che le cartelle vengano utilizzate come dovrebbero e che le autorizzazioni siano corrette.

È meglio avere un sistema unificato in modo che tutti possano trovare ciò di cui hanno bisogno dove ne hanno bisogno e non devi dedicare così tanto tempo ed energie alla ricerca di file.

calendario

Il prossimo strumento di gestione dei progetti semplice ma efficace è un calendario. Abbiamo un calendario da parete che ci piace usare.

Un calendario è uno strumento semplice ma efficace contro la procrastinazione. Puoi vedere a colpo d’occhio cosa deve essere fatto e quando. Ora che hai annotato tutte le attività, puoi inserire cosa deve essere fatto e quando nel tuo calendario.

Alcuni compiti possono sovrapporsi, altri hanno scadenze fisse, altri ancora hanno un intervallo in cui devono essere completati prima che l’attività successiva possa essere completata. È anche importante aggiungere al calendario altre cose che non sono correlate al progetto.

Quindi, se hai un calendario solo per il progetto, potresti dimenticare che sei in vacanza a quell’ora o che quel giorno è festivo.

Dovresti progettare il calendario in modo tale che contenga anche cose indipendenti dal progetto. E infine, aiuta a visualizzare il conto alla rovescia.

Quindi, se vuoi completare un progetto in 30 giorni, puoi guardare il tempo che passa. Questo aiuta a motivarti a non esitare e a non procrastinare.

Puoi vedere che il tempo rimasto diventa sempre più piccolo e questo può motivarti ad andare avanti. Questo è anche molto importante per la gestione di progetti estremi.

Comunicazione

Il quinto e ultimo strumento di gestione dei progetti semplice ma efficace è un tipo di sistema di comunicazione. Potrebbe essere Slack, Trello o Quip. (Software di gestione del progetto) Ci sono un’intera gamma di possibilità.

In Best Self utilizziamo Slack. Ora comunichiamo principalmente con GIF e meme. È molto importante utilizzare un sistema di comunicazione coerente.

Aiuta a evitare malintesi e a comunicare con molte persone contemporaneamente. Aiuta anche a individuare potenziali problemi con il progetto perché più persone sono coinvolte nella conversazione.

Slack ha anche una versione gratuita che è anche fantastica. Puoi inviare sia messaggi di gruppo che diretti, impostare canali privati e canali di gruppo. Inoltre, è altamente scalabile man mano che la tua azienda cresce.

Per quanto riguarda la gestione dei progetti, puoi anche creare canali specifici per il tuo progetto, così tutti coloro che hanno bisogno di sapere qualcosa possono essere coinvolti, partecipare alla discussione e in questo modo anche condividere file.

Un piccolo consiglio da insider è quello di creare un canale specifico per il tuo progetto.

Quando il tuo obiettivo ha più parti mobili, otterrai risultati migliori se ti avvicini con una mentalità di gestione del progetto.

Questo significa, molto semplicemente, che tieni a mente il quadro generale, tieni traccia delle cose in modo da non farlo

così non sei sopraffatto, non ti stanchi di prendere decisioni e non perdi la palla quando il progetto inizia.

Questa è la bellezza degli strumenti semplici. Possono aiutarti a rimanere organizzato senza aggiungere troppa complessità. Quindi preparati per il tuo prossimo progetto con il Project Action Pad.

Questo strumento è ideale per monitorare lo stato di avanzamento di un progetto.

Leave your thought here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.