Blog

Business

Leadership del team: come posso guidare un team in modo ottimale?

Sans titre (21)

Leadership del team: come posso guidare un team in modo ottimale?

Ognuno la pensa in modo diverso. Ciò che motiva un dipendente tende a tirare giù l’altro. Pertanto, i manager dovrebbero mostrare il loro lato flessibile quando guidano una squadra e rendere il loro comportamento di leadership dipendente dalla situazione, dal rispettivo dipendente e dal compito da svolgere. Questo è il principio della leadership situazionale.

Distinzione tra comunicazione interna/esterna nelle aziende

Fondamentalmente, ci sono quattro stili di leadership principali:

  1. RaccontareIn questo stile di leadership, il manager dice ai dipendenti cosa dovrebbero fare e come dovrebbero farlo. Presuppone che i dipendenti non siano in grado di agire di propria iniziativa.
  2. VenditaCon questo stile, c’è più scambio tra manager e dipendenti. Il leader “vende” le proprie idee e il messaggio per convincere i membri del gruppo a sostenere l’approccio.
  3. Partecipare
    In questo approccio, il leader impartisce poche istruzioni e lascia che il team assuma un ruolo più attivo nello sviluppo di idee e nel prendere decisioni. Questo stile è spesso percepito come troppo morbido dai dipendenti perché lascia a loro la decisione se svolgere bene o meno il lavoro.
  4. delegareQuesto stile di gestione del team è caratterizzato da un approccio di gestione piuttosto non burocratico. I membri del team prendono le decisioni e si assumono la responsabilità dei processi. Il leader ha più di una funzione di coaching e moderatore.

Mentre i manager usavano lo stesso stile di leadership per ogni dipendente nelle loro attività di gestione, ora è diverso. Le teorie di gestione più recenti come l’approccio della leadership situazionale presuppongono che sia più efficace rendere il comportamento della leadership dipendente dalla rispettiva situazione.

Comunicazione interna nelle aziende – comunicare in modo appropriato nella vita quotidiana del management

Per fare ciò, tuttavia, i manager devono sapere quale stile di leadership del team è appropriato in quale situazione. Uno stile più “prescrittivo” basato sul principio narrativo può essere necessario, ad esempio, all’inizio di un nuovo progetto. In questa fase i singoli membri del team non hanno ancora una visione d’insieme per poter lavorare in autonomia. Sei ancora dipendente dalle istruzioni del manager.

Ma questo cambierà nel corso del progetto. Dopo alcuni giorni o settimane, i singoli membri del team di solito avranno abbastanza esperienza per controllare i processi in modo più indipendente. Ora il manager può passare a un approccio più delegante e ad un certo punto trasferire completamente la responsabilità.

La comunicazione interna ha due funzioni principali

Il manager può non solo adattare il proprio stile di leadership al corso di un progetto, ma anche alle esigenze dei singoli dipendenti. Alcuni membri del team possono essere liberi pensatori e aver bisogno di meno linee guida fin dall’inizio, mentre altri possono sentirsi abbastanza a loro agio quando ricevono compiti chiari dal manager durante l’intero progetto.

Ognuno è diverso e ha bisogno di libertà o linee guida diverse. Meglio un manager può entrare in empatia con un dipendente e offrirgli lo stile di leadership di cui ha bisogno, meglio si esibirà.

Ogni squadra ha la sua dinamica che può influenzare la produttività. Se i manager danno ai propri dipendenti la libertà di determinare come vogliono svolgere il proprio lavoro, possono spesso distinguersi dai colleghi e ottenere più successo. In effetti, i team autodiretti sono molto produttivi perché sono motivati a lavorare. È quindi importante che la leadership non consista in micromanovre, ma piuttosto si fidi delle capacità del team e lo motivi al meglio delle loro capacità se necessario

Cos’è la comunicazione efficace nelle aziende?

L’approccio della leadership situazionale evita quindi un approccio universale e, a differenza dei precedenti approcci di gestione, riconosce che ci sono molti modi diversi per guidare una squadra. Per fare ciò, i manager devono essere in grado di assumere il punto di vista dei membri del proprio team e decidere spontaneamente quale approccio è più efficace in un determinato momento.

Questa è una questione complessa, ma che può essere appresa nella formazione alla leadership. In questo, i manager potenziali o esperti imparano, ad esempio, che ci sono alcuni indicatori chiave che devono essere soppesati l’uno con l’altro per decidere il giusto stile di gestione.

Questi indicatori sono:

  • I compiti da svolgere (il livello di sfida)
  • La situazione attuale (è stabile o sta cambiando?)
  • Il profilo dei rispettivi membri del team (sono pensatori indipendenti o preferiscono lavorare in dettaglio con le istruzioni del team leader?)
  • La motivazione dei dipendenti di un team (sono motivati internamente e quindi aperti a nuove sfide, o hanno bisogno di motivazione esterna?).

I manager devono usare la loro esperienza per valutare correttamente tutti questi fattori. Ecco perché la leadership situazionale richiede molta fiducia in se stessi da parte del manager. Se qualcuno assume la responsabilità di leadership per un team esistente senza conoscere bene i singoli membri, non avrà successo – non importa quanto buona possa essere la sua conoscenza teorica,

Per guidare una squadra nel modo più efficace possibile, un manager deve implementare in modo flessibile la direzione della leadership e adattare il suo stile di leadership a ogni situazione individuale. L’approccio della leadership situazionale fornisce una buona linea guida per questo. Tuttavia, non è una “soluzione brevettata” che può essere applicata ugualmente bene in ogni situazione. I manager devono quindi ricevere una formazione specifica su come applicare questo modello sul lavoro.

3 indicatori chiave per la leadership del team situazionale

#1 Fai attenzione alle dinamiche di gruppo nelle squadre

I fattori interpersonali come le dinamiche di gruppo in una squadra giocano un ruolo importante nel decidere quale approccio sia il migliore. Un team che manca di efficienza e produttività ha maggiori probabilità di beneficiare di uno stile che si basa su ordine, regole e ruoli chiaramente definiti. Un gruppo produttivo di persone altamente qualificate, invece, beneficia di uno stile più democratico che consente ai membri del gruppo di lavorare in modo indipendente e partecipare alle decisioni organizzative.

I team più efficienti sono quelli in cui i membri hanno autonomia e possono prendere decisioni indipendentemente dal ruolo di leadership e dal fatto che il team abbia già esperienza con progetti comparabili o se siano abbastanza fiduciosi per affrontare da soli questa sfida.

Una comunicazione efficace è fondamentale qui. I manager che si affidano troppo a misure di team building corrono il rischio di dedicare troppo tempo alla creazione di legami emotivi tra i membri del team, il che può essere controproducente quando tutti vanno già d’accordo.

# 2 Considera il compito

Quando si sceglie uno stile di leadership, un manager dovrebbe tenere conto anche del compito che deve essere completato. Le attività professionali possono variare da semplici a complesse. Pertanto, il manager dovrebbe avere un’idea chiara di cosa comporta esattamente l’attività per determinare se la tua squadra ha bisogno di linee guida chiare o se può fare le cose da fare in modo indipendente. Se una squadra ha avuto successo in progetti con esigenze simili in passato, il manager potrebbe voler dare loro più libertà.

Al contrario, quando i nuovi assunti hanno bisogno di formazione o la chimica tra i membri del team non è giusta, i manager dovrebbero optare per un approccio più diretto.

Uno stile di leadership ottimale deve anche tenere conto delle rispettive capacità lavorative dei membri del suo team per svolgere il compito. Ad esempio, è probabile che le persone con buone abilità sociali funzionino bene in un ambiente meno strutturato e collaborativo. Al contrario, coloro che fanno parte di team con competenze tecniche potrebbero aver bisogno di più indicazioni dai loro manager per essere produttivi.

Leadership situazionale non significa essere autoritari o democratici. Si tratta di trovare la cosa giusta

# 3 Prendi in considerazione la mentalità di ogni membro del team

Non solo è molto importante essere consapevoli delle dinamiche di gruppo in qualsiasi dimensione della squadra, ma dovresti anche tenere d’occhio le preferenze di ogni individuo della tua squadra allo stesso tempo. Inoltre, i manager devono tenere conto della mentalità e dei tratti della personalità di ciascun dipendente. In altre parole: la mentalità dell’individuo è adatta a svolgere un compito in modo indipendente e quanto è disposta la volontà di farlo?

Ci sono persone che hanno bisogno di più motivazione di altre. Potrebbero essere introversi e insicuri, oppure potrebbero aver bisogno di maggiore supervisione per farli andare avanti. È importante che i manager capiscano le esigenze e adattino di conseguenza il loro stile di leadership. Ogni dipendente è diverso, quindi i manager devono tenerlo a mente quando pianificano i progetti. Ogni membro del team reagisce anche in modo diverso ai feedback dei colleghi del team, come lodi e critiche.

Delegare un compito a un membro del team che è disposto ma incapace di farcela da solo è la garanzia del fallimento. La capacità di valutare il carattere di ciascun collega consente al manager di scegliere il miglior approccio gestionale per aiutare i dipendenti a raggiungere i propri obiettivi.

Cos’è la comunicazione efficace nelle aziende?

La qualità dei team e del loro lavoro di squadra, il grado di adempimento dei compiti stabiliti e i metodi utilizzati per trovare le soluzioni dipendono in larga misura dalla struttura (composizione del team) e dallo sviluppo del team. Ecco alcuni suggerimenti sulle domande che puoi porre a te stesso e al tuo team:

  1. Quali obiettivi vuoi raggiungere con il tuo team?
  2. Qual è la dimensione ottimale del team per i compiti assegnati?
  3. Qual è la motivazione dei membri?
  4. Ci sono conflitti tra i membri o ci sono altri problemi che potrebbero influenzare il modo in cui lavorano insieme?
  5. Quanto conosci la tua squadra e i suoi punti di forza e di debolezza individuali?
  6. Tutti i membri possono contribuire secondo le proprie capacità?
  7. Hai abbastanza tempo per una buona pianificazione e riunioni di follow-up di cui il team ha bisogno?
  8. Cosa devi considerare per ottenere il meglio dai tuoi dipendenti?
  9. Quali sono gli strumenti di collaborazione giusti in base all’obiettivo del team?

Conclusione

La leadership situazionale è una forma flessibile di Leadership della squadra e richiede un alto livello di adattabilità da parte dei leader. Devi essere in grado di passare da uno stile di leadership a un altro su una base ad hoc per soddisfare le mutevoli esigenze della tua organizzazione e del tuo personale. Ciò richiede molto istinto, ma può essere appreso. Che bello che si adatti perfettamente a questo argomento speciale Formazione alla leadership dà.

Le aziende beneficiano di un team leader in grado di determinare il miglior stile di leadership in una situazione particolare e di ottenere il meglio dai propri dipendenti.

Quando i dipendenti sentono di non essere sufficientemente sfidati dai loro manager, perdono interesse o si demotivano. Tuttavia, i manager devono anche fare attenzione a non aumentare troppo il livello di stress dei dipendenti allo stesso tempo. I dipendenti possono essere sopraffatti quando i loro manager li spingono costantemente al limite.

In qualità di manager di un’azienda, è importante trovare un equilibrio tra guidare le persone con il tuo esempio e assumere compiti che altri possono svolgere altrettanto bene per te.

Leave your thought here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.