Blog

Case Studies Case Studies

Micro apprendimento

Sans titre (47)

Micro apprendimento

Questa forma di apprendimento consiste nell’impartire la conoscenza in porzioni molto piccole. Un eBook gratuito su questo argomento può essere scaricato in fondo alla pagina.

Cos’è il microapprendimento?

Micro Apprendimento – questa forma di apprendimento consiste nell’impartire la conoscenza in porzioni molto piccole. Questi risultano essere “microscopici” in confronto ad altri formati di apprendimento comuni. Un’unità di apprendimento di solito dura poco più di due o cinque minuti.

I formati classici per il microapprendimento sono:

  • Video brevi
  • Video interattivi
  • Animazioni della lavagna bianca
  • Infografiche
  • E-books
  • PDF interattivi
  • Wiki
  • Blog
  • Chiacchiere con gli esperti
  • Quiz

In industrie molto veloci, il microapprendimento offre così tanti vantaggi. Sia qui che là, le specifiche, i regolamenti o le fasi di lavoro cambiano rapidamente. Quindi è tanto meglio se le persone interessate possono essere informate rapidamente in caso di importanti innovazioni che hanno un effetto immediato sui metodi di trattamento o sulla gestione degli ospiti. Il microapprendimento mantiene aggiornati i dipendenti in queste aree agili.

Microapprendimento: i vantaggi

Il microapprendimento combina molti vantaggi:

  • Le nuove conoscenze possono essere acquisite con breve preavviso durante l’orario di lavoro e implementate immediatamente.
  • Con il Micro Learning, le lacune di conoscenza esistenti (il famoso gap di competenze) possono essere colmate in modo rapido e preciso.
  • Il microapprendimento prende in considerazione un’ampia varietà di formati ed è adatto ad ogni tipo di studente.
  • Risparmio di tempo: le singole unità di apprendimento sono così brevi che possono essere completate rapidamente e la conoscenza può essere efficacemente implementata velocemente.

Microapprendimento: le sfide

Impartire rapidamente conoscenze urgenti è una sfida. Questo perché la maggior parte degli impiegati si sposta avanti e indietro mentre lavora, senza un accesso fisso a un portatile o a un computer. Tuttavia, la maggior parte delle unità Micro Learning sono legate a un dispositivo digitale. Tuttavia, in settori molto agili, le sessioni di apprendimento possono essere facilmente condivise tramite un’app per i dipendenti. Poi si può accedere ad essi indipendentemente dal tempo e dal luogo.

Microapprendimento: i requisiti

In certi ambienti di lavoro, è un prerequisito per condividere la conoscenza in modo molto mirato e su misura con esattamente quei dipendenti per i quali è rilevante.

Per le seguenti ragioni:

  1. Poi, per esempio, quando il personale lavora in aree di competenza molto diverse e non ogni nuova scoperta è rilevante per tutti. Se siete sommersi da troppa conoscenza che non è interessante per voi, la percepirete rapidamente come spam e perderete interesse nel formato di apprendimento.
  2. In tal caso, l’azienda dovrebbe pensare a condizioni tecnologiche ottimali come un’app per i dipendenti che permetta la condivisione mirata di unità di apprendimento.
  3. Le unità di apprendimento dovrebbero essere in grado di essere progettate rapidamente e rese disponibili all’interno dell’app.
  4. Le applicazioni dovrebbero essere in grado di essere usate in modo complementare in diverse situazioni di apprendimento come seminari, workshop o apprendimento individuale.

Micro Apprendimento: Rischi

Coloro che non possono usare un computer portatile o un PC per il microapprendimento perché sono costantemente in movimento nella loro vita lavorativa quotidiana o non hanno un posto di lavoro fisso, raggiungono il loro smartphone per accedere alla conoscenza. Se deve essere fatto molto rapidamente, la chat con un collega del campo è il mezzo di scelta. Anche questo conta come micro apprendimento.

Tre quarti degli svizzeri usano il messenger WhatsApp come servizio preferito per inviare messaggi. In media, gli svizzeri inviano fino a 34 messaggi WhatsApp al giorno. Per uno su dieci, sono anche più di 100 al giorno. Tuttavia, la comunicazione è principalmente privata, ma in alcuni casi è anche professionale. Questo è il risultato di unostudionon rappresentativo sull’uso dei social media in Svizzera condotto dall’agenzia di marketing xeit.

Nota: in un ambiente professionale, è meglio inviare messaggi tramite un’app per dipendenti che sia adatta all’uso aziendale. Perché dal punto di vista della protezione dei dati, l’uso di Whats App è critico sotto diversi aspetti.

È proprio per questo che gli insegnanti di Winterthur, per esempio, non possono più organizzare riunioni via WhatsApp. Il consiglio scolastico centrale della città ha imposto un divieto assoluto di WhatsApp nelle scuole, riferisce l’associazione mantello degli insegnanti: la maggior parte dei responsabili cantonali della protezione dei dati ha condiviso questa posizione e consiglia anche di non usare WhatsApp per la comunicazione professionale.

Qual è esattamente il problema? Il fatto che i server di WhatsApp si trovano nello stato americano della California e quindi non rispettano le norme europee sulla protezione dei dati contribuisce a questa valutazione critica. Non solo i dati inviati tramite WhatsApp, ma già il proprio numero di telefono, che è necessario per accedere a Whats App, ma anche tutti i contatti della rubrica di un utente Whats App, finiscono così sul server americano. Questa è una chiara violazione delle leggi sulla protezione dei dati in questo paese.

Ma c’è di più:

  • Se un contatto cambia il suo numero senza informare il mittente, le informazioni interne possono essere inviate al destinatario sbagliato non appena il numero viene riassegnato.
  • I dipendenti che lasciano l’azienda spesso non vengono rimossi dalla chat interna di WhatsApp. Così, ricevono informazioni che non sono destinate ai loro occhi.
  • Se si trasmettono foto critiche, c’è il rischio che vengano automaticamente memorizzate nell’ambiente cloud personale del destinatario.
  • Terzi non autorizzati dall’ambiente privato del destinatario possono quindi avere accesso a questi dati.

Parole di chiusura

Quindi riassumiamo ancora una volta: Oggi, deve essere possibile scambiare la conoscenza rapidamente, continuamente, nelle giuste dosi e nella forma giusta – e preferibilmente via smartphone, indipendentemente dal tempo e dal luogo. Allora i dipendenti sono sempre aggiornati e possono svolgere perfettamente i loro compiti.

Sono un sacco di richieste in una volta sola. Allo stesso tempo, la protezione dei dati deve essere presa in considerazione. Questo esclude l’uso di app destinate all’uso privato. Non soddisfano gli alti standard che si applicano in Europa.

Quello che sembra la quadratura del cerchio, tuttavia, può essere completamente risolto con un’unica app per dipendenti. Ci sono soluzioni per uso aziendale che possono essere utilizzate per implementare tutti gli aspetti del social learning. Una tale app per i dipendenti apre la possibilità di uno scambio di conoscenze per il miglioramento della qualità con singoli dipendenti, gruppi di dipendenti o tutti i dipendenti.

Leave your thought here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.