Blog

Business Business

Riconciliare figlio e carriera a distanza

Sans titre (24)

Riconciliare figlio e carriera a distanza

Luca è sulla quarantina e un padre appassionato. Così appassionato, infatti, che dopo essersi separato dalla moglie qualche anno fa, ha deciso di crescere i suoi figli Enea (8 anni) e Fiona (10) da solo. Così facendo, prese una decisione che è ancora la grande eccezione in Svizzera. Di conseguenza, c’è poco aiuto per il sesso maschile per conciliare figlio e carriera. Luca ce l’ha comunque fatta. Anche senza perdere la sua carriera. La sua famiglia, l’apertura della sua azienda e un po’ di tecnologia moderna lo hanno aiutato.

Nessun sostegno statale per i padri
La separazione di Luca da sua moglie Mia è avvenuta quando i bambini erano ancora molto piccoli. Non è una situazione facile per un uomo che decide di crescere i figli da solo. La legge non fornisce quasi nessun sostegno agli uomini che vogliono prendersi cura dei loro figli.

Mentre nella vicina Germania c’è il congedo parentale anche per i padri e il genitore che rimane a casa riceve un’indennità parentale che sostituisce gran parte del reddito, Luca ha dovuto conciliare lavoro e carriera immediatamente e senza alcun periodo di grazia.

Molti devono scegliere tra figlio e carriera
“Una regolamentazione simile in Svizzera sarebbe un salto di qualità per entrambi i sessi”, dice Luca, che ha più volte osservato tra i suoi amici quanto sia difficile anche per le donne realizzare la propria carriera. Secondo un sondaggio della Commissione federale di coordinamento degli affari familiari EKFF, solo il 63% circa delle donne svizzere con un partner e un bambino sotto i sette anni ha una posizione professionale. A causa della mancanza di opzioni per la cura dei bambini, di solito tornano al lavoro solo dopo anni, solo a tempo parziale, e al costo di enormi perdite di salario e di opportunità di carriera mancate.

All’epoca, Luca ha fatto lo sforzo di continuare a lavorare a tempo pieno. La solita differenza di stipendio tra uomini e donne, che arrivava al 15 per cento nel 2012, anno della separazione, non gli ha lasciato altra scelta. Sua moglie doveva pagare gli alimenti, ma non erano sufficienti a coprire le sue spese di vita con due bambini. Luca è stato fortunato. Il suo datore di lavoro lo stimava molto, non voleva perderlo e lo ospitava immensamente.

Gli ha offerto l’opportunità di lavorare in modo flessibile in un ufficio a domicilio. Otto anni fa, questo era tutt’altro che scontato. Così Luca, che non ha potuto ottenere uno degli ambiti posti all’asilo, ha potuto avere la nonna e il nonno che si occupano della sua prole al mattino. In due pomeriggi, i bambini erano con la mamma e Luca in ufficio. E nei tre giorni rimanenti, il genitore single ha organizzato il pomeriggio o le prime ore della sera con i bambini a casa e si è collegato di nuovo al sistema aziendale la sera quando tutti dormivano. Se non c’era altro modo, a volte nel fine settimana.

Coordinare il bambino e la carriera richiede una coerenza di ferro
Nel frattempo, Enea e Fiona sono scolarizzati, ma la divisione delle responsabilità non è cambiata significativamente. Negli ultimi anni, Luca è riuscito con ferrea coerenza a fare ciò che solo pochi genitori single riescono a fare: Portare la famiglia e la carriera sotto lo stesso tetto.

Nemmeno la carriera del 45enne ha dovuto soffrire. Grazie alla formazione online, che ha potuto integrare in modo flessibile nel suo orario di lavoro, è riuscito a completare il certificato riconosciuto SVF in Leadership e ad acquisire un’immensa quantità di conoscenze specialistiche. La formazione sulla leadership comprende sei moduli e dà ai partecipanti gli strumenti per ottimizzare la loro comunicazione, ma anche per guidare i loro team in modo autentico, visionario, comprensivo ed efficace. Il datore di lavoro di Luca gli ha permesso di completare la formazione durante l’orario di lavoro. Così facendo, il padre single ha gettato le basi per la sua attuale posizione di team leader.

La formazione online apre notevoli opportunità professionali
Luca si è collegato in modo flessibile e ha integrato l’ambizioso perfezionamento nella sua vita quotidiana. All’inizio aveva paura di dover imparare da solo. Tutt’altro. La piattaforma di apprendimento che il datore di lavoro di Luca aveva scelto non solo lo metteva in contatto con i formatori e gli altri studenti.

Un’ampia varietà di media era anche disponibile come supporto didattico, in modo che l’apprendimento fosse davvero divertente perché più che vario. Luca poteva scegliere tra video didattici, podcast, presentazioni PowerPoint, lezioni di apprendimento virtuale, chat con esperti e molto altro.

Luca non vuole indorare la pillola, però. “È stata una strada difficile fino a qui. E non avrei potuto farlo senza il sostegno dei miei genitori e l’apertura della mia azienda al lavoro e all’apprendimento digitale”, dice. “Speriamo che i miei figli non debbano più fare un simile gioco di equilibrio. Si spera che quando sarai grande, il congedo parentale sarà standard e l’apertura dei datori di lavoro alle opportunità digitali lo sarà sicuramente. Sono sicuro che i miei figli avranno un periodo più facile”.

Leave your thought here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.