Blog

Business Business

Come la neuroplasticità può aiutare le aziende ad aumentare di dieci volte la propria intelligenza

Sans titre (9)

Come la neuroplasticità può aiutare le aziende ad aumentare di dieci volte la propria intelligenza

Fino a pochi anni fa, gli scienziati pensavano che il cervello, una volta raggiunti i 25 anni di età, non cambiasse più. Questa idea è completamente superata dalle recenti scoperte nel campo delle neuroscienze.

Perché un’azienda dovrebbe essere interessata a questo?

Hai mai provato a creare una tabella pivot o ad agevolare la tua riunione mensile dopo una lunga interruzione dal lavoro? I tuoi riflessi sono lenti, i tuoi traguardi lontani. Questo perché meno usi un circuito neurale, più si indebolisce, un po ‘come un sentiero poco frequentato vedrebbe la natura riprendersi la sua proprietà con la crescita naturale, coprendo alla fine la traccia con delle erbacce! Se i neuroni che codificano l’azione “Creo la mia tabella pivot” fossero congelati nel tempo, sicuramente non avresti difficoltà a capire dove e quando ti sei fermato *. Tuttavia, la scienza ci mostra che il nostro cervello si riconfigura costantemente, anche in età adulta. Ha lo straordinario potere di rimodellarsi costantemente. Ed sono proprio questi frequenti cambiamenti che ci consentono di creare nuove abilità, conoscenze e competenze. Questo è il processo descritto come neuroplasticità. In termini concreti, se le nostre connessioni neurali possono cambiare, abbiamo l’opportunità di influenzare questi cambiamenti. L’idea che l’intelligenza sarebbe stata decisa da una buona fata o strega alla nascita e sarebbe rimasta immutabile fino alla morte è quindi obsoleta! Più il cervello viene stimolato e in modi diversi, più si sviluppa!

L’apprendimento continuo

In un mondo in cui dobbiamo reinventare continuamente noi stessi per garantire l’occupabilità e aggiornare le nostre conoscenze, così come quelle dei nostri dipendenti, è gratificante dire a noi stessi che il dado non è tratto! La Neuroenterprise 4.0, con le sue infinite ramificazioni, processi mutevoli e digitalmente interconnessi, non avrà alcun problema con questo concetto. Non dovrà più dare troppo credito a “Sono troppo vecchio” o “non cambiamo”, frasi sentite di fronte ad ogni nuovo sviluppo o cambiamento annunciato … Ma di contro, dovrà fare tutto il possibile per supportare questa flessibilità di apprendimento. E dare i mezzi ai propri dipendenti. Come?

Crea nuovi percorsi basati su metodi collaudati

  • In primo luogo, il cervello, come i tuoi collaboratori, deve sapere perché vuoi memorizzare questo o quello! Anch’esso è alla ricerca di un significato … Spiega perché e come questo è importante.
  • Quindi, la ripetizione è fondamentale: seguire regolarmente lo stesso percorso per modellarlo creando e istituendo rituali, quindi ancorarli alla proprio cultura personale
  • Infine, al lavoro, come in città, concentrati sulle strategie di apprendimento attivo **:

-Sfida le squadre in formazione (o altrove) con mini competizioni interne

-Aiuta le tue squadre a risolvere i problemi in un gruppo

-Incoraggia la sperimentazione, la presentazione delle tue conoscenze ai tuoi colleghi

-Presenta i tuoi problemi e risolvili grazie al co-sviluppo, con i colleghi

-Introduci domande sulla conoscenza tra colleghi, tra team

-Sviluppare il peer coaching attraverso domande aperte e orientate alla soluzione

Una cosa è certa! Questo è il tuo cervello che sicuramente non sarà lo stesso stasera. E questo è il modo giusto.

Leave your thought here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.